GRAZIE!

ECCOCI A FINE STAGIONE…

Non nel senso che noi abbiamo finito di lavorare, ci mancherebbe. Ci son ancora moltissimi lavori da fare per mettere i campi a riposo in attesa della prossima stagione…
No, intendevo la stagione in cui l’azienda è “aperta al pubblico”…

E stranamente ho la crisi da foglio bianco.
Di cose da dire ne avrei in mente tantissime. Riflessioni, considerazioni, racconti. Bilanci, anche, perché van fatti anche quelli…
Ma tant’è, NON NE HO VOGLIA.

Ho talmente detto, fatto, raccontato, descritto, valutato, portato, regalato, questi mesi passati… ho talmente ESTERNATO, che ora mi pare di non aver più nulla da dare, fuori. Ma non per esaurimento.
PER SIMBIOSI, credo.
Simbiosi con quella natura con la quale ho lavorato tanto, nella quale ho affondato mani e piedi, per la quale ho faticato, GRAZIE ALLA QUALE HO VISSUTO questo PRIMO ANNO da CONTADINA “professionista”.
E la natura, dopo i mesi di “esteriorizzazione” durante i quali butta fuori tutto ciò che può dare (frutti, colori, profumi…), si prende i mesi di “interiorizzazione” durante i quali recuperare, riorganizzarsi, rigenerarsi, ripulirsi.
Sento di volerlo fare anche io.
Mica sono mesi in cui non lavora, la natura, e nemmeno il contadino: semplicemente lo si fa in maniera intima, non visibile, meno esposta.
E’ un lavorio operoso, ma silenzioso.

Forse è per questo che NON HO TANTE PAROLE da dire, a fine stagione.
Ne ho solo una: GRAZIE.

Banale? Insomma…
L’annata non è stata affatto facile (bel battesimo, in effetti…!).
Gelata primaverile, siccità, tromba d’aria, grandine, di nuovo siccità, freddo anticipato… ci mancavano solo le locuste e la pioggia di meteoriti, per chiudere il cerchio. Noi come tanti colleghi abbiamo perso parecchi raccolti (mele, manco viste, per dire…).
Poi, è stato il nostro primo anno di attività piena e ufficiale: significa tutto da imparare!
Imparare a organizzare trapianti e raccolti calibrandoli con ordini e vendite, gestire le consegne, il mercato, i clienti, la comunicazione, la contabilità… E, con ciò, imparare a gestire energie, tempistiche e CONTRATTEMPI!
Su tutto questo, aggiungiamo che stiamo progettando un altro bel saltone, che porterà la nostra creatura a svilupparsi ancora parecchio nei prossimi due anni (come? Hehehehe curiosi… Stay tuned!).
Il che ha portato con sé una bella dose di eccitazione, entusiasmo, affiatamento, ma anche di impegno, lavoro oltre al lavoro, notti insonni, e delusioni. Cocenti delusioni…

Ma, come SEMPRE succede quando TI TROVI A FARE UNA COSA CHE TI PIACE, E IN CUI TI RICONOSCI, alla fine senti solo GRATITUDINE.
Perché a un certo punto, puoi guardarti indietro, e CAPIRE.
Che tutte le delusioni sono lezioni.
Che tutta la fatica è allenamento.
Che tutti i momenti difficili sono porte da varcare per accedere al livello successivo.
Che andare a letto fisicamente sfiniti fa fare sogni a colori sgargianti.
Che per ogni persona che abbiamo allontanato perché ci ha feriti e delusi, ne abbiamo conosciute altre 10 che adesso ci vogliono bene e ci arricchiscono la vita.
Che fare sempre cose nuove è difficilissimo ma è il sale della vita.

Ce ne sarebbe ancora una fila di motivazioni da scrivere per cui essere grati a questo primo anno di attività…

Ma fuori c’è un bel sole, e ho voglia di andare a godermelo tutto.
PERCHE’ POSSO FARLO.
E anche questo è un privilegio al quale ora non rinuncio più.

Quindi taglio corto: GRAZIE GRAZIE GRAZIE a tutti quelli che CI HANNO AIUTATI in questi mesi di superlavoro, a tutti quelli che CI HANNO SCELTI come spacciatori di verdure buonissime, a tutti quelli che HANNO CREDUTO IN NOI nonostante in alcuni frangenti sembrassimo l’Armata Brancaleone.
E sopratutto grazie a lei, naturalmente: Madre Natura. Che a volte è stata mamma, altre volte matrigna, ma quel che ha dato lo ha sempre dato per MIGLIORARCI…………………………..

GRAZIE.
Martina e Roberto

PS: ma mica è finita qui. Il blocco da foglio bianco non mi durerà mica per sempre… pertanto, continuate a seguirci, che di novità ne avremo ancora e presto!!
PPS: e menomale che non mi venivano tante parole… Eh, la fame vien mangiando… 😉

Barb_Grazie2017_00 Barb_Grazie2017_01 Barb_Grazie2017_02 Barb_Grazie2017_03 Barb_Grazie2017_04 Barb_Grazie2017_05 Barb_Grazie2017_06 Barb_Grazie2017_07

 


permettici di rimanere in contatto per raccontarti quello che facciamo. No spam. Nessun dato verrà diffuso o usato per altro scopo al di fuori delle nostre comunicazioni

iscrivendomi alla newsletter acconsento il trattamento dei miei dati personali ai sensi del Decreto legislativo n. 196/2003